O mio Gesù,  dolce Prigioniero d’amore, eccomi a te di nuovo.

Ti lasciai col dirti addio, ora ritorno col dirti “buondì”.

Mi bruciava l’ansia di rivederti in questo carcere d’amore

per darti i miei anelanti ossequi, i miei palpiti affettuosi,

i miei respiri infuocati, i miei desideri ardenti e tutta me stessa,

per trasfondermi tutta in te e rimanere tutta in te,

in perpetuo ricordo e pegno del mio amore costante verso di te.

 

O mio sempre amabile Amor sacramentato, sai?

Mentre son venuta per darti tutta me stessa,

sono venuta pure per ricevere da te tutto te stesso.

Io non posso stare senza una vita per vivere e perciò voglio la tua.

A chi tutto dona tutto si dona; non è vero, o Gesù?

 

Quindi oggi amerò col tuo palpito d’amante appassionato,

respirerò col tuo respiro affannoso in cerca di anime,

desidererò coi tuoi desideri immensurabili

la gloria tua ed il bene delle anime.

Nel tuo palpito divino scorreranno tutti i palpiti delle creature,

li prenderemo tutti, li salveremo,

non faremo sfuggire nessuno, a costo di qualunque sacrificio,

sia pure che ne portassi io tutta la pena.

Se Tu mi caccerai, mi getterò più dentro, griderò più forte,

per perorare insieme a te la salvezza dei tuoi figli e miei fratelli.

 

O mio Gesù, mia Vita e mio Tutto!

Quante cose mi dice questa tua volontaria prigionia!

Ma l’emblema con cui ti vedo tutto suggellato,

è l’emblema delle anime;

le catene che tutto ti avvincono forte forte, l’amore.

Le parole “anime e amore” pare che ti fanno sorridere,

ti debilitano e ti costringono a cedere a tutto;

ed io, ponderando bene questi tuoi eccessi amorosi,

starò sempre intorno a te e insieme con te,

coi miei soliti ritornelli, “anime e amore”.

Perciò voglio tutto te stesso quest’oggi,

sempre insieme con me nella preghiera, nel lavoro,

nei piaceri e dispiaceri, nel cibo, nei passi, nel sonno, in tutto;

e sono certa che, non potendo ottenere nulla da me,

con te otterrò tutto, e tutto ciò che faremo servirà

a lenirti ogni dolore,

a raddolcirti ogni amarezza, a ripararti qualunque offesa,

a compensarti di tutto e ad impetrare qualunque conversione,

sia pure difficile e disperata;

andremo mendicando un po’ d’amore da tutti i cuori

per renderti più contento e più felice; non è buono così, o Gesù?

 

O caro Prigioniero d’amore, legami con le tue catene,

suggellami col tuo amore!

Deh, fammi vedere il tuo bel volto.

O Gesù, quanto sei bello!

I tuoi biondi capelli rannodano e santificano tutti i miei pensieri;

la tua fronte, calma e serena in mezzo a tanti affronti,

mi rappacifica e mi mette nella più perfetta calma,

anche in mezzo alle più grandi tempeste,

alle tue stesse privazioni, ai tuoi capricci che mi fanno costar la vita...,

ah, Tu lo sai, ma passo innanzi; questo te lo dice il cuore,

ché te lo sa dire meglio di me.

 

O Amore, i tuoi begli occhi cerulei, sfavillanti di luce divina,

mi rapiscono al Cielo

e mi fanno dimenticare la terra, ma ahimè,

con mio sommo dolore il mio esilio si prolunga ancora.

Presto, presto, o Gesù! Sì, sei bello, o Gesù!

Mi pare di vederti in quel tabernacolo d’amore.

La beltà e maestà del tuo volto mi innamora e mi fa vivere in Cielo,

la tua bocca graziosa mi sfiora i suoi baci ad ogni istante,

la tua voce soave mi chiama ed invita ad amarti ogni momento,

le tue ginocchia mi sostengono,

le tue braccia mi stringono con legame indissolubile,

ed io a mille a mille stamperò i miei baci cocenti

sul tuo volto adorabile.

Gesù, Gesù, sia uno il nostro volere,

uno l’amore, unico il nostro contento!

Non lasciarmi mai sola, ché sono un nulla

e il nulla non può stare senza il Tutto.

Me lo prometti, o Gesù? Pare che mi dici di sì.

Ed ora benedici me, benedici tutti,

ed in compagnia degli Angeli, dei Santi,

della dolce Mamma e di tutte le creature ti dico

“Buondì, o Gesù, buondì.”

 

 


 
 
Commenti
Vuoi inserire un commento? Registrati oppure effettua il Login!
Ultimi commenti 0 di 0
Non sono presenti commenti