Tutte le news

21 Novembre 1987: benedizione della stanza di Luisa

La stanza di Luisa fu riaperta e benedetta dopo 59 anni (1928 – 1987)

21/11/2021
Commenta questo elemento

Il 21 Novembre 1987, Sua Ecc. Rev.ma Mons. Giuseppe Carata, alla presenza dell’amministrazione comunale di Corato e di tanti fedeli, anche dei paesi limitrofi, benedisse la celletta di Luisa, gli altri ambienti e l’esposizione delle reliquie appartenute alla Serva di Dio. Dopo si soffermò molto accanto al letto di Luisa, ci fece pregare insieme, e quasi commosso, da quel posto impartì la sua benedizione a tutti i presenti.

La Luce della Divina Volontà ritornò a risplendere e ad espandere i suoi divini raggi da quelle mura illuminate dalla presenza di Gesù e dal FIAT di Luisa.

Casa, che visitata con fede, trasmette luce, pace e serenità a tutti quelli che con amore sincero, anelano a vivere il Vangelo in profondità, alla luce del Divin Volere.

Il Signore ha i suoi tempi. Ecco che giunse il tempo di ripristinare quello che fu soppresso anche a fin di bene, e far ripartire da quella "cattedra di sapienza" il messaggio del FIAT Voluntas Tua “come in cielo così in terra”.

Soprannaturale e fondamentale messaggio è partito da quella stanzetta, intrecciato con il filo dell’obbedienza con la rinuncia della volontà umana e di tutto ciò che non appartiene a Dio.

In questa casa è stato custodito e vissuto il Tesoro del Divin Volere, e Corato rappresenta quel campo in cui Gesù ha depositato questo Tesoro (Mt 13,44-46).

Grandi prodigi il Signore ha operato in quella stanzetta, luogo ricco di avvenimenti soprannaturali e mistici: la presenza di Gesù quasi quotidiana, i tre sposalizi mistici, l’assistenza di sacerdoti santi, le Celebrazioni Eucaristiche presiedute da numerosi santi sacerdoti e gli scritti del Divin Volere, che Luisa, con mani forate, perché stigmatizzate all’interno, ha eseguito per obbedienza insieme alla catena dei suoi atti associati con gli Atti di Gesù.

Ogni opera ha un punto di partenza e un punto di arrivo. L’Opera del Divin Volere, velata con la parola Associazione, parte da quel letto e dopo aver girato nel mondo ritorna allo stesso posto.  Il Dono del Divin Volere è l’eco che raggiungendo le tante parti del mondo, riporta tutti alla casa della Divina Volontà da dove è partita: a Corato.

FIAT!

Sr Assunta
Commenti
Vuoi inserire un commento? Registrati oppure effettua il Login!
Ultimi commenti 1 di 1
- 20/11/2019
L'opera della Divina Volontà, dal cuore di Dio al cuore di tutte le creature e viceversa, cammina, unita ai pensieri, al palpito, al respiro di Gesù, in ogni dove, nella creazione, nella redenzione, nella Santificazione, Come in un infinito girotondo ...,